mercoledì 17 dicembre 2014

La “Catharina”… alla salute!

"Il profumo delle spezie medievali racchiuse in un bicchiere": nasce la prima birra italiana ispirata al panforte, dolce dalle antichissime origini e simbolo della città di Siena.
 
 
La "Catharina", prodotta dal Birrificio San Quirico, è una 'limited edition' - solo 1.000 bottiglie di tiratura - venduta in confezione deluxe insieme a un panforte artigianale firmato da La Fabbrica del Panforte di Siena. Aromatizzata con pepe, cannella, noce moscata, chiodi di garofano e altre spezie caratteristiche del panforte, la 'Catharina' nasce dalla partnership di due eccellenze dell'enogastronomia del territorio senese: il Birrificio San Quirico, che ha prodotto la birra con cereali biologici della Val d'Orcia, e La Fabbrica del Panforte, che ha fornito la segreta combinazione di spezie che la contraddistinguono.
E' già disponibile dal 1° dicembre e può essere acquistata direttamente al Birrificio San Quirico, situato in uno storico edificio medioevale lungo l'antica via Francigena a San Quirico d'Orcia (Siena), oppure on line sul sito www.birrificiosanquirico.it.
 

La birra è dedicata a Santa Caterina da Siena, che nel Medio Evo, come testimoniato da numerose fonti storiche, era solita frequentare la Val d'Orcia e in particolare il borgo termale di Bagno Vignoni, dove si ritirava in preghiera e in solitudine.
Ispirata alle classiche birre natalizie (le winter beer sono un'antica tradizione tipica di alcuni paesi del Nord Europa che negli ultimi anni ha preso piede anche in Italia), la 'Catharina' è perfetta come birra da meditazione nelle fredde serate invernali, o in accompagnamento a formaggi stagionati e dolci natalizi.

Che vi devo dire, da estimatore di birra e, più in generale, da inguaribile curioso non mi rimane che testare. Se capito da quelle parti (zone meravigliose tra l’altro, idonee per un week-end tra relax, cultura e natura) farò una visita allo stabilimento, in alternativa ordinerò comodamente da casa. Si, mi piacciono sempre e senza eccezioni le novità ed ho un’ammirazione irrefrenabile per gli sperimentatori.
 
Arrivo “Catharina” e vi farò sapere… prosit!

 

1 commento:

  1. Ho avuto una collaborazione nel 2013 e 2014 con questa Azienda e posso confermare che producono birre artigianali davvero ottime. Un saluto, Lorena

    RispondiElimina