martedì 2 dicembre 2014

Spezie “per caso”: taccuini di viaggio aromatici #1



Il Cardamomo, nativo dell’India sud occidentale (Cardamom Hills), è dai primi anni 2000 principalmente prodotto ed esportato dal Guatemala (ca. 60% della produzione mondiale - dati Spices Board).
Qui, vi fu introdotto agli inizi del XX sec. da un giovane tedesco, tale Oscar Kloeffer, figlio di un farmacista, con l’intento, pare, di abbonire l’aroma dei farmaci.
Il dipartimento di Alta Verapaz, sito nel centro dello stato mesoamericano, è oggi l’area di maggiore concentrazione delle fincas, le aziende agricole dedite alla coltivazione della spezia.
Il cardamomo, per crescere al meglio, necessita di piogge abbondanti, terreni scoscesi, per impedire il ristagno dell’acqua, ed un’elevata ombreggiatura.
A 7 fusi orari dietro al nostro, sentinella tra le due Americhe, è un paese - per i suoi coloratissimi mercati, le meraviglie dell’architettura maya nascoste nella foresta e per quel mare, i Caraibi, dagli incredibili fondali, gli atolli perduti nell’oceano e le spiagge dalla sabbia candida - tutto da scoprire!
 

Nessun commento:

Posta un commento