sabato 13 settembre 2014

Spezieria Bizzarri

Bizzarri a Firenze è un’istituzione!
E’ una vecchia bottega artigiana fondata nel 1842 dal chimico, dottor Alessandro Bizzarri…

 
Da tempo ne abbiamo sentito parlare, ma non è stato facile fargli visita, ci sono volute più trasferte prima di riuscire a trovarlo aperto: “bizzarri”, infatti, sono anche i suoi orari e i giorni di chiusura… ufficialmente rimane chiuso il sabato pomeriggio e la domenica, ma io fossi in voi chiamerei prima di partire da casa ;) !
Qui la clientela spazia dalla Soprintendenza per i Beni Artistici e Storici agli improvvisati del “fai da te”: e questa è la sua forza! Al suo interno si possono trovare materie prime per artisti di vari settori come pittori, restauratori, fotografi, mastri profumieri e pasticceri… ma anche preziosi ingredienti per creare da soli cosmetici, creme, deodoranti … oltre chiaramente a tantissime spezie!

L’arredamento è in parte quello originale della prima sede che si trovava proprio in Piazza della Signoria. Ora si è trasferito in Via Condotta e la proprietà è passata alla famiglia Pucci, ma ha mantenuto le alte vetrine in legno scuro, con i vetri un po’ imbiancati dal tempo, come i capelli della signora che adesso siede dietro il bancone e ci guarda con l’aria serena di chi sa di poter soddisfare anche le richieste degli avventori più esigenti.
 

 
Eh si! Tutto all’interno di questa bottega ti riporta indietro, al 1800, e non è difficile immaginarsi al suo interno una gentildonna vestita di tutto punto, che con il suo voluminoso abito si fa largo tra gli altri clienti per chieder al dott. Bizzarri se ha ancora di quell’essenza di cannella che le aveva fatto sentire la settimana scorsa, da aggiungere al suo profumo e sentirle consigliare anche qualche goccia di olio essenziale di macis e del legno di sandalo… 

Più che una spezieria, Bizzarri è un vero laboratorio alchemico, esoterico, un'esperienza tra polveri colorate e balsami profumati, senza tempo... assolutamente da non perdere...
 

Nessun commento:

Posta un commento